Chi siamo e cosa facciamo… Un Fiorino!

Graficar nasce da un’idea, una passione, un’intuizione.

Dal confronto quotidiano del professionale e del personale tra me e mia moglie.

Professionalmente veniamo da lontano, dall’informatica; ma prima ancora dalla passione e dall’impatto affascinante e dirompente delle prime stampanti “personal” a colori degli anni ’80. Viste in una esposizione nell’allora ricco e prestigioso palazzo delle esposizioni di Roma, durante un evento riservato agli operatori del settore ed io, imbucato da studente, cercavo di nascondere il mio stupore di fronte ad un panorama più vicino al mondo di Kubrik che non alla vita quotidiana. Ma ancor prima, da bambino, con mio padre per le vie del cuore di Roma, a visitare il luogo dove per tanti anni mio nonno ha composto la prima pagina del quotidiano “Il Tempo”; quelle macchine enormi, appartenenti ad un altro universo, che lavoravano senza sosta e accumulavano velocemente copie su copie. E crescendo poi all’università, a prendere confidenza con i primi software professionali, il primo fotoshop, i primi rudimenti di un mondo nascente. Poi da militare, in un reparto sperimentale di supporto informatico e con rapporti con le tipografie fornitrici. Poi il salto professionale quando fui assunto in IBM, il mio sogno! E dove ho conosciuto mia moglie. MA era un IBM diversa dai sogni, un altro ramo, la logistica, che con il tempo però mi ha dato un’impronta professionale fino ad arrivare a ciò che volevo fare; lo sviluppo di software, il fare informatica in maniera attiva, creare l’algoritmo giusto, “LA CHIAVE”. Il lavoro che ha completato un percorso fatto di supporto alle aziende. Rendere reale in un computer ciò che era nei desideri del cliente; creare un sistema di lavoro efficiente che eliminasse il tempo di adeguamento allo strumento e a ciò che non era primario. Lasciare al cliente SOLO il sul suo CORE BUSINESS. Al resto ci pensavo io.

Facebook

Seguici su Facebook

Nuovo lavoro, servizi alle imprese

 Consolidata l’esperienza nello sviluppo software era ora di ampliare le competenze. Rimanendo sempre nel campo dei servizi alle imprese mi sono riavvicinato alla logistica per offrire un più ampio ventaglio di servizi. Inoltre ho integrato un reparto di stampa con le mie prime macchine di produzione. Da prima piccolo formato per poi integrare il grande formato con inchiostri a pigmenti. A seguire il passaggio inevitabile al solvente e inevitabilmente integrare con una plotter da taglio per cominciare a prendere confidenza con supporti diversi dalla carta. Ed è qui che la mia vita professionale si riunisce a quella di mia moglie. Lei nel frattempo è tornata nell’azienda di famiglia la Super Car, una carrozzeria industriale con oltre 30 anni di attività creata dal padre, Italo. E tornata con l’intento di gestire l’amministrazione e far crescere l’azienda. In pochissimi anni l’amministrazione è passata da un magazzino con una scrivania ed un computer “Vintage” usato a mo’ di fermacarte, ad un reparto totalmente informatizzato, connesso in rete, con uno staff di 4 persone ed in remoto con lo studio commerciale che li segue. E’ partita con il mio supporto per quanto riguarda l’informatica e non si è più fermata. 

Proprio durante una mia visita ho visto una ditta esterna applicare le grafiche ad un veicolo commerciale. Grafiche elementari, solo testo, ma fu qualcosa di travolgente; non riuscivo a togliere lo sguardo. Da quel lavoro. Poi riflettendo…. Usano macchine come le mie. Software come i miei.            

                                     SI - PUÓ - FARE!!!

È da quel momento diventato un chiodo fisso studiare la fattibilità, la marginalità e la possibilità di inserirsi un mercato esistente e già sovrappopolato. Niente, concordiamo che ad entrambi la “pancia” dice si; bisogna osare e cambiare la modalità di lavoro attuale, variare il settore per crearci quella nicchia sufficiente a permetterci di fare ciò che sappiamo fare meglio; dare un servizio alle imprese. Cominciamo così, come siamo attualmente strutturati, su due aziende separate fiscalmente e fisicamente. Qualche lavoro ovviamente entra, si fa esperienza. Qualche difficoltà, qualche soddisfazione ma nulla di diverso da ciò che offre il mercato. Bisogna variare qualcosa. E quel qualcosa ovviamente è il servizio. Decidiamo di cedere la mia attività e crearne poi una dedicata, ci vuole del tempo non si vende in un giorno soprattutto di questi tempi magri per l’economia ma ci si riesce, rinunciando anche a qualcosa per intraprendere il percorso individuato; in fondo il tempo che abbiamo a disposizione non è eterno e bisogna utilizzarlo al meglio.

Di nuovo ad analizzare il mercato e decidiamo di aprire un laboratorio grafico all’interno dell’officina, probabilmente un unicum nel mercato attuale. Perché il cliente business che va in officina ha dei tempi di fermo ridottissimi; fermare il mezzo è un costo, figuriamoci RIfermarlo per portarlo presso uno studio grafico per la decorazione pubblicitaria, viene visto da molti oltre come un costo anche come una perdita per il mancato lavoro. Così noi siamo li, possiamo fare il lavoro in tempo reale senza ulteriori soste. Nel frattempo abbiamo cambiato stampante con una HP Latex per un occhio di riguardo in più verso l’ambiente. Abbiamo inserito la figura del grafico per realizzare progetti su misura a chi non ne ha. Abbiamo inserito la figura dell’allestitore con esperienza decennale per dare sempre lavori a regola d’arte cosi come avviene per l’officina. Abbiamo selezionato i migliori materiali sul mercato che testiamo personalmente; non metteremo mai prodotti economici o non adeguati al lavoro richiesto per aumentare la marginalità.

Oggi siamo in grado di personalizzare i veicoli con adesivi presenziati, loghi, e coperture integrali con la tecnica del Wrapping o anche detta a caramella, siamo specializzati nella decorazione dei centinati con pellicole ad hoc per i teloni, facciamo l’oscuramento vetri con pellicole omologate. 


Ai nostri clienti possiamo solo dire che investendo sulla decorazione del proprio mezzo, che sia un automobile, un furgone o un camion o una centina, il ritorno di immagine è molto alto perché è il mezzo stesso che andando in giro da visibilità e sponsorizza il proprio lavoro, la propria azienda.

Questo sito web fa uso di cookies. Si prega di consultare la nostra informativa sulla privacy per i dettagli.

OK